Come addestrare un furetto a non mordere

Non useremo molti giri di parole per dirlo: i furetti hanno denti da carnivoro e possono mordere.

Alcuni mordono di meno, altri mordono di più, ma la cosa certa è che ogni furetto domestico ha la tendenza a usare i denti per comunicare, difendersi, giocare e persino mostrare affetto.

Per addestrare un furetto a non mordere esistono molti metodi, ma bisogna prima individuare le cause che lo portano a serrare le fauci.

Scopriamo insieme i motivi e le soluzioni a questa poco piacevole peculiarità.

Perché i furetti mordono?

Perche-i-furetti-mordono

Come per qualsiasi altro animale domestico, anche per i furetti mordere è istintivamente naturale.

C’è da sottolineare però che mordere non è unicamente sinonimo di ferocia o aggressività dell’animale, che potrebbe invece arrivare a stringere i denti per ben altri motivi e in contesti totalmente differenti tra loro.

Per paura, ansia o ripicca, ma anche per gioco e per necessità, vediamo tutte le possibili ragioni per cui un furetto morde:

  • Dentizione

Se il furetto è ancora un cucciolo, potrebbe essere arrivato il momento della crescita dei dentini che, proprio come per i bambini umani, porta il soggetto a cercare un qualsiasi pretesto per masticare qualcosa che massaggi le gengive in cerca di sollievo.

addestrare un furetto a non mordere

Un valido aiuto potrebbero essere dei giocattoli o dei masticativi appositi, purché non in gomma morbida o altri materiali leggeri che possono essere masticati e ingeriti in pezzetti causando blocchi intestinali.

Opta sempre per giochi molto robusti o in gomma robusta, come i Kong.

  • Affetto

Per un furetto, mordicchiare può essere sinonimo di affetto e amore nei confronti del proprio padrone o di un suo simile. 

furetto domestico

Soprattutto in fase di gioco, amano punzecchiare il proprio compagno di intrattenimento mordendolo, e tra loro i furetti possono risultare addirittura aggressivi durante i momenti di svago a furogenitori ancora inesperti.

In questo caso non è necessaria una correzione comportamentale, a meno che i morsi non siano insensatamente forti e l’atteggiamento dei nostri piccoli amici non sia oltremodo feroce senza alcuna ragione valida. 

  • Autodifesa

Purtroppo non tutti i furetti hanno avuto la fortuna di nascere e crescere in un ambiente sicuro, sano e amorevole. 

Capita quindi che in seguito ad abusi o alla mancanza di una dose sufficiente di contatto diretto con degli esseri umani, i furetti si sentano minacciati a tal punto da prendere a morsi qualsiasi mano che gli si avvicini troppo, considerandola una minaccia.

L’unica soluzione a questa triste situazione è un’infinita dose di pazienza unita a tanto, tanto amore.

  • Problemi di adattamento

Un cambio drastico delle routine quotidiane o l’introduzione in un nuovo ambiente possono risultare stressanti per i furetti, che potrebbero manifestare il loro disagio modificando il proprio comportamento e diventando mordaci.

furetto

Prova a lasciar trascorrere un po’ di tempo e cerca sempre di proporre cambiamenti nelle abitudini giornaliere in maniera graduale e aiutandoti con rinforzi positivi come leccornie e giochi che arricchiscano l’ambiente.

  • Ripicca

Se pensi che sculacciare il tuo furetto possa servire a impartirgli una qualche lezione, ti sbagli di grosso.

Non solo perché la punizione fisica non va MAI utilizzata (soprattutto con animali sensibili come i furetti), ma anche perché il tuo amico quadrupede potrebbe risponderti per le rime utilizzando gli strumenti che ha a disposizione, ovvero i denti.

I furetti possono mordere dopo che li hai sgridati, ad esempio, o per frustrazione per qualcosa che non gli permetti di fare. Di solito non sono morsi aggressivi, servono solo per dirti che ce l’ha un po’ con te. 

  • “Lick, lick, lick, CHOMP”

Si tratta di un detto molto comune fra i proprietari i furetti esperti, che sanno che i furetti amano il sapore salato della nostra pelle e capita (in base al furetto) che quando siamo vicini inizino a leccare la mano, il braccio, le gambe o i piedi e poi assestino un bel morso.

Di solito sono proprio 3 colpi di lingua e 1 di denti. Da qui: “Lick, lick, lick: CHOMP” (letteralmente, “lecca, lecca, lecca, MORDI”).

Può capitare in qualsiasi momento (come anche mai) ma dopo la doccia, quando la nostra pelle è ancora un po’ umida, i polpacci e le caviglie sono quasi irresistibili!


Come far smettere i furetti di mordere

Come-far-smettere-i-furetti-di-mordere

Prima di partire con i nostri migliori consigli sul come placare le mandibole dei nostri oblunghi beniamini, devi tenere presente che i furetti sono animali davvero molto testardi e che difficilmente si piegano alle istruzioni o agli insegnamenti che si cerca di impartirgli. 

Aspettati che sul momento accettino i rimproveri, ma che si vendichino con una cacchina fatta fuori dalla lettiera o rubandoti la pantofola sinistra.

Ecco come puoi fermare un furetto che ti sta mordendo in maniera eccessiva:

  • Distrai il furetto

Durante le fasi di gioco è possibile che i furetti diventino super-eccitati.

Scodinzolano, arruffano il pelo, spalancano le fauci, saltano, fanno agguati alle caviglie e, ovviamente, mordono.

Se in preda a una forte contentezza potrebbero non accorgersi di stringere troppo i denti.

Puoi tentare di farli smettere distraendoli con un giocattolo da mordere al posto della tua mano.

  • Prendilo per la collottola

La famosa “presa della mamma” è il classico aut-aut col quale costringi il tuo animaletto a scegliere tra lo smettere di mordere troppo forte o il rimanere appeso per il coppetto come un salame.

Prendilo per la collottola con le dita della mano, mettilo alla tua altezza degli occhi e digli “No!” in modo deciso ma non aggressivo. Soffia sul naso (non gli piace) e resta ad aspettare il suo sbadiglio.

Sbadigliando ti sta dicendo “Ok ho capito, non lo faccio più” (anche se in realtà lo rifarà quasi subito dopo essere stato liberato).

Se praticata nel modo giusto risulterà completamente indolore e il tuo furetto finirà per accettare il rimprovero dopo qualche secondo (o minuto, in base a quant’è testardo). 

  • Utilizza ausili all’addestramento

Gli strumenti migliori che possono aiutarti nell’addestrare il furetto a non mordere, sono senza ombra di dubbio uno spruzzino e un tubetto di pasta al malto.

Il primo lo puoi utilizzare per interrompere un comportamento scorretto in corso. 

Spruzza dell’acqua direttamente sul muso e il furetto si fermerà immediatamente, infastidito e confuso.

Il secondo invece può coadiuvare come rinforzo positivo.

Premialo ogni volta che svolge un gioco senza mordere forte, o mordendo i suoi giocattoli anziché la tua pelle.

  • Metti il furetto in castigo

Ebbene sì, per alcune situazioni “in extremis” anche i nostri animali domestici possono aver bisogno di un angolino del castigo.

Di solito per un furetto significa essere chiuso in uno spazio noioso e privo di intrattenimenti, in modo che si calmi e assuma un atteggiamento più consono.

Non mettere mai in castigo il tuo furetto nella sua gabbietta o nel trasportino che usi per portarlo fuori casa, finirebbe per associare quei posti a qualcosa di brutto quando invece dovrebbero essere sempre vissuti come un rifugio sicuro e piacevole.

Dedica un trasportino specifico (e diverso da quello per le uscite) a questa unica funzione, oppure puoi ripiegare su un qualsiasi contenitore abbastanza grande per lui e che abbia ricircolo di aria.

Non lasciare che la punizione detentiva si protragga per troppo tempo.

Appena il tuo furetto si calma puoi liberarlo.

La memoria a breve termine di questi animali è davvero pessima, passati pochi minuti non ricorderanno assolutamente il come e il perché siano finiti in punizione, quindi non serve a niente tenerli relegati per delle ore.

  • Un’alternativa animalesca!

Esiste un metodo alternativo utilizzato da diversi allevatori e proprietari veterani per far sì che il furetto molli la presa e smetta di mordere.

Quando lui ti morde troppo forte, puoi morderlo tu stesso! 

Stringi un pochino con i denti il coppetto o un orecchio, senza eccedere, in modo che lui senta un pizzicotto. 

Questo metodo si avvicina molto a ciò che farebbe mamma furetto per educare i propri cuccioli indisciplinati, ed è davvero efficace e decisamente non violento.


Domande frequenti

E’ normale che i furetti mordano?

Sì, i furetti sono carnivori e hanno lunghi canini appuntiti. Usano molto la bocca per esprimersi ma non a parole: leccando, gustando o mordendo. E’ normale che usino i denti per giocare o comunicare.

Non rientra invece nella normalità che lo facciano con forza estrema e con l’intento di ferire.

Solitamente è sinonimo di una cattiva socializzazione (o dell’assenza di essa) quando ancora viveva nell’allevamento nel quale è nato, oppure di un abuso subito in passato.

I furetti possono mozzarti un dito con un morso?

Per quanto i furetti riescano a serrare le mandibole con una forza straordinaria, non è assolutamente possibile che riescano a mozzare un dito umano.

Possono sicuramente arrivare a bucare la pelle se particolarmente stizziti, ma questo è quanto, niente che non possa essere gestito con del disinfettante e un cerotto.

Il morso del furetto fa male?

I denti del furetto sono molto sottili e acuminati, è ovvio quindi che i suoi morsi non siano indolori.

Dipende molto dalla soglia del dolore che è personale e unica per ognuno di noi.

Se hai una pelle particolarmente sensibile potresti provare profondo fastidio o addirittura male anche per dei morsi che invece altre persone considerano leggeri e che riescono a sopportare tranquillamente.

Il verso del coniglio

Da piccoli a scuola ci insegnavano i versi dei vari animali, dal barrito dell’elefante, passando allo starnazzare delle oche, fino ad arrivare al raglio dell’asino… Ci spiegavano che ogni specie ha un suo particolare modo di comunicare con i propri simili, sennò come farebbero a capirsi tra loro?

Uccelli domestici : I migliori da tenere in casa

Dopo cane e gatto, gli uccelli sono di certo tra gli animali domestici preferiti e maggiormente presenti nelle nostre case. I più diffusi sono sicuramente i canarini, i diamantini e i pappagalli dalle specie più grandi alle più piccole.

Come scegliere un pappagallo parlante

I pappagalli sono uccelli della famiglia dei Psittacidi. Noti per la loro bellezza, la brillantezza dei colori del piumaggio, l’intelligenza e la simpatia, sono animali da compagnia molto apprezzati anche per una loro peculiarità che li ha resi famosi sin dai tempi antichi: l’abilità di saper parlare. Questa loro caratteristica li ha portati a diventare uno tra gli animali domestici più richiesti, nonostante siano abbastanza complessi da gestire per il loro carattere e per la loro spiccata sensibilità.